Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Tutti i vincitori dell'undicesima edizione

Postato in Storia del Festival - XI edizione 2013

Premiati ‘L’alfabeto del fiume’, ‘Margerita’ e ‘La guerra dei vulcani’. Ad Abbas Kiarostami il Premio Castello Aragonese per la regia. A Jean Sorel premio alla carriera

MMessinaBJacquot[Ischia, 06/07/2013] Ufficializzati i vincitori dell’undicesima edizione dell’Ischia Film Festival. Il primo premio della sezione documentari è andato a La guerra dei vulcani’ di Francesco Patierno che a cavallo tra il cinema del reale e il melò porta avanti la narrazione in modo originale, prendendosi il lusso di dirigere, attraverso il montaggio, due indimenticabili dive come Anna Magnani e Ingrid Bergman. La Storia incontra la Settima Arte in un film unico nel suo genere. Un lavoro di grande impatto dunque, che ha conquistato la Giuria, composta da Vittorio Giacci, Giuliana Muscio, Chiara Martegiani, Antonio Capellupo.

Il premio per il Miglior Cortometraggio è andato invece a ‘Margerita’ di Alessandro Grande, una fiaba moderna che prende vita in una Roma multietnica, mettendo l'uno di fronte all'altro un giovane ladruncolo rom e una violinista italiana. Grande dimostra che il contatto fra due culture, apparentemente molto distanti tra loro, può avvenire attraverso le note di uno Stradivari e la comunicazione universale della musica”.

Nella sezione Location Negata trionfa invece ‘L’alfabeto del fiume’ di Giuseppe Carrieri, film ambientato sulle rive del Gange, location di morte e di fame, in cui un professore illuminato prova a donare un futuro alle nuove generazioni attraverso la cultura. Un documentario importante, che sa trovare il giusto equilibrio tra realtà e poesia.

BSollazzoMMessinaAKiarostamiE’ invece Abbas Kiarostami ad aggiudicarsi il Premio Castello Aragonese come miglior regista, per ‘Qualcuno da amare’ al grande cineasta italiano l’Ischia Film Festival ha inoltre attribuito la targa speciale del Presidente della Repubblica che da anni viene assegnata al festival quale attestazione dell’Adesione del Presidente. Seguendo l’esempio del Festival Internazionale del Film di Roma l’Ischia Film Festival ha voluto destinare la targa speciale del Presidente al suo ospite più illustre.

Il Premio Aenaria per la miglior scenografia è stato invece assegnato a Rossella Guarna per ‘11 settembre 1638’ di Renzo Martinelli, che narra dell’assedio tenuto a Vienna da parte di trecentomila guerrieri dell’Impero ottomano. Il premio Epomeo per la miglior fotografia va a Arnaldo Catinari per ‘Viaggio sola’ di Maria Sole Tognazzi, storia di Irene, una quarantenne single che viaggia per il mondo valutando gli standard degli alberghi di lusso.

downton-abbey-premiazioneNell’ambito del Festival è avvenuta inoltre, la consegna del premio Italian Film Commission al film ‘L’intervallo’ di Leonardo Di Costanzo e del Foreign Award assegnato in collaborazione con APE (Associazione Produttori Esecutivi), al produttore Donald Rosenfeld per ‘Effie’, scritto da Emma Thompson. Il premio speciale Plinius è stato assegnato al canale Sky Diva Universal per la serie anglo-americana ‘Downton Abbey’, scritta dal premio Oscar Julian , con la proiezione in anteprima nazionale del primo episodio della terza stagione. All’anteprima è intervenuta l’attrice inglese Sophie Mc Shera protagonista della serie.

Menzioni speciali per la sezione location negata ‘Dell’arte della guerra’ di Luca Bellino e Silvia Nuzzi, e per la sezione documentari a ‘Anija – La nave’ di Roland Sejko, e Lovebirds-rebel lovers in India’ di Giampaolo Bigoli.

premiazione-augustIl premio Ischia Film Award è stato attribuito a Bille August per la regia di Treno di notte per Lisbona che ha aperto anche la speciale sezione del festival dedicata alla cinematografia del Nord Europa. Un premio speciale è stato assegnato anche al regista francese Benoit Jacquot, che nel 2009 ambientò ad Ischia il suo film Villa Amalia

Premio alla Carriera a Jean Sorel per le sue magistrali interpretazioni nei film di maestri del cinema francese, internazionale, ma soprattutto italiano. E per aver contribuito a raccontare la storia e il costume del nostro paese, affidandosi con generosità alle visioni di Visconti, Risi, Lizzani, Bolognini e Loy.

Si chiude così l‘undicesima edizione dell’Ischia Film Festival, un’annata da ricordare segnata da partecipazioni di premi Oscar quali Vittorio Storaro e Bille August ma anche da grandi autori stranieri come Abbas Kiarostami, Benoit Jacquot e protagonisti della cinematografia italiana quali Daniele Vicari, Costanza Quatriglio, Aureliano Amadei, Renzo Martinelli, Andrea Papini, Pippo Mezzapesa, Angelo Cretella, Luigi Cecinelli, Francesco Afro De Falco, da attori affermati quali Jean Sorel, Enrico Lo Verso, Massimo Ghini, Paolo Calabresi, Luli Bitri, Chiara Martegiani, Fabrizia Sacchi a giovani emergenti quali Vincenzo Alfieri, Alessio Gallo e Francesca Riso.


Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com